Gli interventi di Matxin e Di Rocco nel talk-show di Radio Canale 7

Una puntata di Contro Pedale che ha segnato il debutto di un nuovo format, svolto a doppia voce, essendo il consueto conduttore Roberto Sardelli impegnato sul campo agonistico della Tirreno-Adriatico. Si è registrata così l’interessante new entry nello staff di Contro Pedale, della giovane e brillante Rebeca Rodriguez Santiago, che ha fatto da tramite tra lo studio radiofonico e l’inviato, raggiunto telefonicamente presso la sede d’arrivo della tappa a Fossombrone, in provincia di Pesaro Urbino. 
Nel corso della diretta, è stata proposta un’intervista che Sardelli aveva realizzato a Matxin Joxean Fernandez, attuale general manager dell’UAE Team Emirates, pochi minuti prima della partenza da Foligno. Con il dirigente spagnolo sono stati affrontati alcuni temi caldi di estrema attualità. Partendo dai programmi e dalle ambizioni del velocista principe della formazione araba, Fernando Gaviria. Il formidabile sprinter colombiano che sul traguardo di Foligno – complice anche l’impostazione non ottimale della volata – ha dovuto cedere all’esplosività del campione italiano Elia Viviani e di Peter Sagan. L’altro argomento trattato con Matxin ha riguardato Fabio Aru. Il ritiro dalla Parigi-Nizza dello scalatore sardo ha messo in allarme tifosi e appassionati che vorrebbero invece rivedere il proprio pupillo ritornare velocemente ai vertici del ciclismo internazionale. Matxin è sembrato essere tranquillo a tale riguardo, fiducioso che presto «dopo la pioggia tornerà anche il sole»
Il secondo ospite di giornata è stato il Presidente della FederciclismoRenato Di Rocco, che l’inviato ha raggiunto telefonicamente nel corso della diretta. Una ghiotta opportunità nella quale sono stati affrontate tematiche prioritarie che dal contesto agonistico si sono poi allargate a contesti assolutamente prioritari, quali la sicurezza dei ciclisti sulle strade.

Articoli simili

Caleb Ewan, alla fine tappa per velocisti
La maturità e la consapevolezza di Mattia Cattaneo
La lucidità di Fuglsang, le analisi di Patxi Vila