Abbiamo raggiunto Claudio Chiappucci nell’Oltrepo Pavese, alla vigilia della frazione numero 18 del Giro d’Italia, Rovereto-Stradella di 231 Km; la frazione più lunga di questa edizione.
Una frazione che secondo El Diablo nasconde delle insidie soprattutto nel finale, pur ritenendo da parte sua che nonostante la crisi subita nel finale sul traguardo, di Sega di Ala, Bernal ha sempre saldamente in mano la corsa. I suoi avversari non hanno guadagnato moltissimo e, fatta eccezione di Yates e Caruso, tutti gli altri sono arrivati alle spalle del colombiano.
Una flessione, quella della maglia rosa, che per quanto inattesa, Chiappucci giudica estemporanea e contingente, causata da una crisi di fame. Il giorno di riposo, la giornata assolata dopo tanta pioggia e temperature basse possono avere influito a causare l’inatteso colpo di scena.
La risposta comunque, secondo l’intervistato, sarà fornita dal poker di appuntamenti, tutti insidiosi, che andranno a concludere l’edizione 104 della corsa rosa.