Foto © www.lavuelta.es

La Vuelta Espana riparte da come ci aveva lasciato. Burgos come Madrid, con la maglia roja sempre sulle spalle di Primoz Roglic, da molti annunciato lanciatissimo verso un tris prestigioso sulle strade spagnole.
La medaglia d’oro olimpica conseguita nella prova contro il tempo ha rilanciato il forte corridore sloveno in una stagione che per lui era stata caratterizzata da mille e più tribolazioni. Del resto, l’ex saltatore con gli sci ha dimostrato più volte di riuscire in poco tempo a trasformare cocenti delusioni in formidabili riscatti. Ecco perché, nonostante un campo di avversari di assoluto rispetto, con le formazioni di Ineos Grenadiers e Bahrain Merida prontissime a guastargli la festa in queste tre settimane di gara con i vari Bernal, Carapaz e Landa, la crono inaugurale che si è conclusa sotto lo splendido scenario del gotico della cattedrale di Burgos ha dovuto concedersi al suo protagonista più atteso, con la Slovenia ancora sugli scudi, capace di piazzare a soli 8 secondi, il connazionale Jan Tratnik. In mezzo l’ottimo Alex Aranburu (6” il suo distacco dal vincitore) che, corridore basco in terra basca, ha coronato per lungo tempo il sogno di riuscire a vestire la maglia del primato.
Nulla da fare, né per il corridore dell’Astana Premier Tech, e soprattutto per i vari contendenti al successo finale, che per quanto non sussista niente di compromesso, hanno dovuto concedere già troppo tempo al grande favorito: 27” Bernal, 39” Landa, 25” Carapaz, 18” Mas e 20” Adam Yates.
Nota lieta per i nostri colori, l’ottimo 7° posto (-12”) ottenuto dal giovane e promettente Andrea Bagioli.
Intanto oggi, in un atteso torrido ferragosto, si va profilando un appuntamento per le ruote veloci che ormai da tempo nella più importante corsa a tappe spagnola, vedono sempre ridotte le proprie opportunità.

Profilo altimetrico tappa numero 1 / Burgos. Catedral VIII Centenario 2021 > Catedral  7,1 km – Crono individuale –

Profilo altimetrico tappa numero 2 / Caleruega. VIII Centenario de Santo Domingo de Guzmán > Burgos. Gamonal 166,7 km